Come Herman Miller sta offrendo il suo aiuto durante la crisi per il coronavirus

Dalla produzione di DPI al sostegno agli enti di beneficenza in tutto il mondo, ci impegniamo ad aiutare le comunità durante la pandemia globale.

Intervista a cura di: Elise Waugh, Responsabile delle Comunicazioni aziendali, Herman Miller

Approfondimenti di: Linda Brand, Direttrice di Herman Miller Cares, e Ben Watson, Direttore creativo, Herman Miller

A Herman Miller employee sewing a face mask in a manufacturing space.

Senza precedenti. Devastante. Sconvolgente. Queste sono solo alcune delle parole e delle frasi più usate per descrivere la crisi legata al COVID-19. Ma considerata la realtà della situazione, una realtà con cui ci stiamo confrontando tutti quotidianamente, queste espressioni sembrano quasi degli eufemismi.

Gli ospedali di tutto il mondo sono pieni di casi e i dispositivi di protezione individuale (DPI) scarseggiano. Tra le persone regna anche l’incertezza su quando si vedranno accreditato il prossimo stipendio. Siamo tutti alle prese con gli effetti del distanziamento sociale. Tuttavia, c'è una nota positiva. In un momento in cui paura e incertezza potrebbero facilmente prendere il sopravvento, vediamo individui e aziende prodigarsi e utilizzare la loro esperienza per aiutare in ogni modo possibile. Ed Herman Miller non è diversa. Come azienda fondata sul design antropocentrico, mettiamo sempre le persone al primo posto. È proprio per questo che stiamo offrendo il nostro aiuto durante la crisi per il coronavirus.

Herman Miller resta agile per sostenere coloro che operano nell’assistenza sanitaria

Una settimana dopo la chiusura della produzione, a seguito delle disposizioni del governatore Whitmer "Restate a casa, Restate al sicuro", Herman Miller ha richiamato quasi il 30% del suo personale dei reparti produttivi, su base volontaria, per aiutare i clienti considerati come infrastrutture critiche. Tra questi vi sono i clienti del settore sanitario, nonché i governi federali, statali e locali.

In ambito sanitario, ospedali e strutture sanitarie affrontano un'impennata di pazienti e faticano a ottenere le forniture necessarie per allestire spazi di assistenza funzionali per i pazienti. Ad esempio, un ospedale universitario nella zona occidentale degli Stati Uniti ha costruito tende per test COVID-19 davanti all’ingresso principale per garantire il più possibile la sicurezza di pazienti e operatori. Durante i frettolosi preparativi per allestire le tende per i test, l'ospedale si è reso conto di aver trascurato un elemento importante: luoghi dove il personale poteva sedersi e riposare tra un paziente e l'altro.

“Con lo stress e il potenziale esaurimento a livelli più alti che mai, ogni momento di tregua che possiamo offrire agli operatori sanitari in prima linea è fondamentale”, dichiara Ben Watson, Direttore creativo di Herman Miller. Ecco perché, quando i rappresentanti dell'ospedale hanno contattato un rivenditore locale di Herman Miller per informarsi sui tempi di consegna di un ordine di sgabelli Aeron, il rivenditore ha pensato a una soluzione più rapida. 90 minuti dopo la richiesta, ha trovato gli sgabelli adatti nel proprio magazzino e li ha consegnati personalmente all'ospedale. Questo è solo un esempio di come Herman Miller abbia saputo adattarsi rapidamente ad aiutare le persone in questo periodo di difficoltà.

Adattare i nostri prodotti per i pazienti COVID-19

Siamo anche stati in grado di adattare rapidamente i nostri prodotti per soddisfare le nuove esigenze specifiche determinate dalla crisi del coronavirus. Ad esempio, abbiamo creato una stazione di visualizzazione remota portatile utilizzando un carrello Herman Miller con un braccio porta monitor annesso. Questa soluzione ha una funzione importante.

Il dispositivo, ha spiegato Watson, permette ai pazienti, in quarantena o malati, di vedere e comunicare con i loro cari tramite video. “Stiamo assistendo a scenari strazianti in cui i pazienti, nelle ultime ore di vita, non hanno il conforto dei loro cari”, ha spiegato Watson. “Molte di queste persone sono troppo deboli per tenere in mano tablet, telefoni o computer portatili per videochattare con le famiglie, quindi questi carrelli offrono loro un'opportunità unica di interagire con i familiari. Inoltre, considerati i contingenti limiti di spazio, questi carrelli permettono una soluzione salva-spazio che un carrello video standard non è in grado di offrire“, come dichiarato da Watson.

Condivisione di modelli di progettazione per DPI critici

Al di là delle soluzioni inventive, Herman Miller si sta prodigando per aiutare in altri modi. A livello locale, l'Holland Hospital si è rivolto a noi perché aveva pochissime maschere per il viso. Herman Miller ha collaborato direttamente con l'ospedale per ideare e progettare maschere monouso a 3 strati idrorepellenti da utilizzare nelle aree non procedurali.

Durante il processo di progettazione, gli ingegneri di Herman Miller hanno utilizzato la stampa 3D per creare un apparecchio che, montato su una macchina da cucire, ripiega e mantiene in posizione le pieghe delle maschere facciali, riducendo il tempo necessario per realizzarle. Abbiamo condiviso il progetto online con tutto il mondo. Ora sia aziende sia singoli individui, a livello mondiale, stanno utilizzando l'apparecchio per spingere al massimo la produzione di mascherine che possono realizzare per gli operatori sanitari delle loro comunità locali.

“Siamo entusiasti che il dispositivo di piegatura sia diventato così famoso”, ha detto Watson. “Sono veramente orgoglioso del nostro team, che ha sfruttato l’ingegno per sviluppare qualcosa che velocizza molto i processi di realizzazione dei DPI”.

Herman Miller e i suoi marchi partner stanno attualmente producendo 1.500 mascherine facciali al giorno per dotare i membri del team aziendale e i partner del settore sanitario di importanti DPI necessari per la sicurezza personale durante la pandemia da COVID-19.

A close-up image of a Herman Miller employee holding a face mask.

Agire a livello locale e globale per combattere il COVID-19

Il nostro ramo filantropico, Herman Miller Cares, ci permette di agire a livello locale per soddisfare le esigenze urgenti delle singole comunità.

“Siamo fondati su un principio di responsabilità nei confronti delle nostre comunità”, spiega Linda Brand, Direttore di Herman Miller Cares. “Sono orgogliosa di vedere come siamo riusciti ad avere un impatto così positivo nelle comunità in cui i nostri team globali lavorano e vivono”.

West Michigan: Herman Miller Cares ha investito oltre 100.000 dollari nei programmi del West Michigan contribuendo ad alleviare lo stress sulle risorse locali causato dal COVID-19. Questi includono l'Emergency Human Needs Fund presso la Holland/Zeeland Community Foundation, Hand2Hand e Kids Food Basket.

Cina: A Dongguan, il nostro team Asia-Pacifico sostiene Chuang Yi, un'organizzazione internazionale di beneficenza che si occupa di persone deboli e disabili nelle loro comunità. Il nostro sostegno sarà mirato alla distribuzione di mascherine facciali essenziali per le persone più vulnerabili della loro comunità.

Regno Unito: A Melksham, il nostro team Europa, Medio Oriente e Africa sostiene la Trussell Trust Food Bank, una rete nazionale di banchi alimentari che fornisce derrate alimentari e aiuto alle persone in condizioni di vulnerabilità. Il team ha anche destinato fondi alla creazione di visiere con le stampanti 3D presso la nostra sede di Portal Mill. Ora hanno abbastanza materiale per realizzare circa 100 visiere al giorno, che doneranno al locale Royal United Hospital.

Messico: A Città del Messico, il nostro team America Latina e Caraibi sostiene la Sociedad Mexicana, un ente di beneficenza internazionale che fornisce una formazione medica continua agli operatori sanitari che si occupano di patologie respiratorie. Il nostro supporto aiuterà a fornire test diagnostici, attrezzature di laboratorio e forniture per i test COVID-19, nonché i DPI immediatamente necessari agli operatori sanitari.

Riflettori puntati sul cuore di Herman Miller

Ci sono stati momenti nella nostra storia, a partire dalla decisione di D.J. De Pree di investire in mobili “moderni”, in cui abbiamo intrapreso azioni coraggiose in risposta al cambiamento sociale. Se da un lato questa crisi ci ha colpito tutti in modi diversi, Watson e Brand concordano sul fatto che ha anche puntato i riflettori sul cuore del personale di Herman Miller. Le sfide poste dal COVID-19 hanno fatto emergere il meglio del nostro team. Le storie qui condivise sono solo un piccolo esempio di come i membri del nostro team hanno utilizzato soluzioni di design per il bene dell'umanità.

Il tutto è ben riassunto dal nostro marchio: “La nostra missione di 'design ispiratore mirato ad aiutare le persone a fare grandi cose' va ben oltre la semplice creazione di prodotti. Significa usare il nostro talento per essere una forza per il bene di questo mondo”.