Progettata da Observatory

Scrivania e armadietto multimediale Airia

Mobile Airia bianco con finiture in noce, visto frontalmente.

Progettata per durare

Vista del profilo a tre quarti della scrivania Airia bianca con finiture in legno scuro e gambe bianche.

Scrivania e armadietto multimediale Airia

Dall'elegante combinazione di legno e alluminio ai meticolosi dettagli come i cassetti rivestiti in sughero, Airia unisce bellezza e funzionalità. I designer Ayako Takase e Cutter Hutton sono stati motivati a progettare una "scrivania intelligente che accolga la tecnologia e gli oggetti che accumuliamo mentre lavoriamo, facendolo però in maniera discreta, integrata e intuitiva”.

Creare una connessione

Takase e Hutton, dello studio di design industriale Observatory, ritengono che un buon design sia in grado di creare un legame emotivo tra oggetto e individuo, una filosofia che ha ispirato la realizzazione di Airia. “Volevamo che Airia fosse attraente alla vista e appagante al tatto, per suscitare una reazione emotiva fin dal primo sguardo, ma anche dopo anni di utilizzo in casa”, afferma Hutton.

Vista frontale di una scrivania Airia in bianco con finiture in legno scuro e gambe bianche.
Vetrina aperta di White Airia Media Cabinet di Herman Miller, con finiture in noce scuro.

La bellezza dei materiali incontra la funzionalità

Il calore del telaio in legno di noce contrasta con la superficie in alluminio bianco della scrivania e le gambe affusolate. Una superficie secondaria leggermente rialzata offre un vano per riporre libri, oggetti o bevande. Le aperture per cavi e fili liberano la superficie dall’ingombro dei dispositivi di ricarica, e i cassetti sottili aiutano a organizzare i documenti. L’armadietto multimediale Airia a corredo fornisce un’ulteriore capacità di archiviazione ed esposizione. Questo fa di Airia una soluzione senza tempo in grado di soddisfare le più moderne esigenze. “Vogliamo che sia una scrivania da tenere per il resto della propria vita e da tramandare ai figli”, dice Hutton.

“Ciascuno di noi continua a portare avanti il proprio stile unico e questo vuol dire che a volte dobbiamo lavorare per convincerci a vicenda di qualcosa, ma il risultato finale è un’armonia ancora più interessante. E tutto questo si traduce in un design più forte”.

Altre informazioni su Observatory

Studio di progettazione del prodotto, Observatorio