L'uomo dei poster di Herman Miller

Per il designer grafico Steve Frykholm, la vita in Herman Miller è stata davvero un picnic. Il vice presidente del design creativo riflette sui 45 anni trascorsi in azienda e rivive il suo primo e ora fondamentale incarico di lavoro: un poster per il picnic aziendale.


Scritto da: Amber Bravo

Video di: Dress Code

Il graphic designer Steve Frykholm si trova di fronte a un muro di manifesti. Seleziona per riprodurre un video sui poster picnic di Herman Miller.

Azienda

3:26

L'uomo dei poster di Herman Miller

Per il designer grafico Steve Frykholm, la vita in Herman Miller è stata davvero un picnic.

Nel 1970, Herman Miller assunse il suo primo designer grafico interno, un laureato di Cranbrook dallo sguardo sveglio di nome Steve Frykholm. Fra i suoi primi incarichi vi fu quello di preparare un poster per promuovere l'annuale picnic aziendale. Frykholm non sapeva che il risultato del suo lavoro avrebbe segnato l'inizio di un'ambiziosa serie che da allora è stata ospitata in varie collezioni museali e che lo avrebbe fatto entrare a tempo indeterminato nella ristretta cerchia degli illustri grafici cresciuti in Herman Miller. Con Frykholm abbiamo discusso a lungo dei vantaggi di essere un dipendente e delle proprietà di trasformazione di un poster di qualità eccelsa. 

LEFT: 1970 Sweet Corn Poster RIGHT: 1983 Ice Cream Cone Poster

Credi che al giorno d'oggi i poster siano importanti come agli inizi della tua carriera, negli anni Settanta?

Un buon poster, un poster che comunica un'idea, è ancora importante. Ci sono molti tipi diversi di poster: informativi, promozionali, commemorativi. Per me un poster non è altro che un francobollo di dimensioni più grandi. E sono convinto che i poster debbano essere grandi. Devono essere almeno 61 x 91 centimetri, se non più grandi. 

L'altro giorno, mentre insieme ad Anne Sutton [una designer grafica di Herman Miller] lavoravamo a un nuovo progetto, ho detto: "Andiamo nei locali del centro città. Voglio farti vedere i poster che ci sono nelle vetrine. Mentre camminiamo, dimmi quali poster ti saltano all'occhio e perché. Quelli migliori si notano anche dall'altro lato della strada". 

È facile per un designer lavorare sul proprio monitor, innamorarsi del proprio lavoro e credere che sia il migliore. In realtà, se lo prendi e lo confronti con quelli di migliaia di designer che stanno facendo un lavoro simile, capisci che non è niente di speciale. Che cosa rende un design unico, originale, inventivo, creativo e affascinante? Quali sono le caratteristiche che veramente fanno emergere un design da tutti gli altri? Credo che la dimensionalità venga dalla persona che lo realizza. Non so se riesco a spiegarmi. Il design deve avere una presenza.

LEFT: 1978 Cake Poster RIGHT: 1977 Fruit Salad Poster

In base all'idea che i designer si innamorano molto facilmente delle immagini che vedono sul loro schermo, credi che il lavoro "analogico", con materiali tattili, possa avere dei vantaggi?

Mi dispiace davvero di non avere imparato prima a lavorare con il computer; è un grande strumento. Allo stesso tempo, credo che possa essere difficile per un designer che non ha mai davvero lavorato molto con forbici, matite e nastro adesivo, oppure colla e pastelli sulle fotografie, comprendere appieno tutto il processo. Prima di creare un design sul computer, per me è importante fare collage, perché mi aiutano a metterlo a punto e creare un file da mandare in stampa. Il digitale e l'analogico sono entrambi importanti. 

Ho lavorato per tutta la mattina in modo analogico su un nuovo poster ma, ora che lo inserisco nel computer, tutto procede molto più in fretta. Va da sé che, in alcuni casi, il computer possa trasformarsi in un incubo. 

“Per me un poster non è altro che un francobollo di dimensioni più grandi. E sono convinto che i poster debbano essere grandi.”

- Steve Frykholm

A selection of archival photographs of picnics from years past.

Picnic degli anni passati.

Sei in Herman Miller da tantissimo tempo: 45 anni! 

È andata così. Ho incontrato un ex collega andato in pensione diversi anni fa che mi ha chiesto: “Come vanno le cose in Herman Miller?” Io gli ho risposto: “Mah, devo dirti in tutta sincerità, vorrei avere 10 anni in meno per rimanerci più a lungo”.

In una tua precedente intervista, hai detto che all'inizio pensavi che non avresti voluto vivere in Michigan. 

Sono cresciuto nel centro degli Stati Uniti. Gli anni della mia formazione li ho trascorsi nel Kansas. Ho frequentato il college alla Bradley University per il mio BFA, poi alla Cranbrook Academy of Art per un MFA in design, dopo due anni di insegnamento in Nigeria con le forze di pace. Dopo tutto questo, volevo andare a lavorare su una delle due coste: volevo evadere a tutti i costi! New York, Los Angeles, San Francisco: era lì che succedeva tutto. 

Ma sei rimasto nel Michigan.

Quando ti arriva un'offerta di lavoro da Herman Miller, ci devi almeno pensare bene. 

LEFT: 1979 BBQ Chicken Poster RIGHT: 1974 Popcorn Poster

Perché hai scelto Cranbrook?

Cranbrook mi offriva una borsa di studio, ecco perché ci sono andato. Quando ho cominciato, direi che almeno il 75% di tutti coloro i quali avevano una fama nel settore del design proveniva dall'Art Center in California. Lì mi accettarono, ma come studente del secondo semestre. Allora scrissi dicendo: "Ci deve essere un errore, mi ero candidato per una posizione post-laurea". E loro mi risposero: "Non c'è nessun errore: se decide di venire qui deve seguire il nostro corso di studi. Punto." Allora andai a Cranbrook. Anni dopo, nel 1992, l'Art Center mi ha invitato a tenere un intervento nel corso della loro serie di lezioni Toyota. 

Bello. Hai raccontato questa storia nel tuo intervento?

Non solo ho raccontato la storia, ho letto la lettera! 

Sei stato attirato in Herman Miller per il suo "DNA completamente dedicato al design"?

Quando andai a Cranbrook non sapevo nulla di Herman Miller. Ma nel dipartimento c'erano designer grafici, di prodotto, ambientali, e tutti andavano alla vendita annuale di Herman Miller e tornavano a scuola con quei piccoli tesori: una sedia Eames o un tessuto Girard. Fu così che conobbi questa piccola azienda di Zeeland, nel Michigan. Mentre mi trovavo a Boston per un colloquio di lavoro, i miei genitori mi dissero che mi aveva chiamato Herman Miller. Io li richiamai. Stavano costituendo un gruppo interno di design grafico e si chiedevano se potessi essere interessato a un colloquio per quella posizione.

An aerial archival photograph of a picnic from years past.

Vista dall'alto di un picnic Herman Miller.

In termini di creatività, quali credi che siano gli aspetti positivi di rimanere nello stesso posto così a lungo?

Sai, sono stato davvero fortunato. Voglio dire, fortunato a far parte di un'organizzazione che ha un DNA così straordinario per il design ed è così aperta e pronta ad accettare l'originalità. Mi viene in mente una fantastica frase di George Nelson, direttore del Design di Herman Miller dagli anni Quaranta fino agli anni Sessanta. È tratta da un'intervista che, insieme al presidente dell'azienda, DJ De Pree, Nelson concesse al critico Ralph Caplan in occasione della pubblicazione del primo catalogo che l'ufficio di Nelson preparò per Herman Miller, nel 1948. DJ mette in difficoltà George riguardo alla bellezza del catalogo, quando nessun altro nel settore vende i suoi cataloghi, e George risponde: "Lo so, ma può esserci sempre una prima volta". Nell'arco degli ultimi sessant'anni, questa è rimasta una costante di Herman Miller. Non so come sarebbe passare 45 anni in un'altra organizzazione: potrebbero essere infernali. Questo non significa che di tanto in tanto non abbia pensato di andarmene. L'ho pensato più volte. 

È come una relazione che dura da molto tempo.

Sì, è vero, non puoi smettere mai di lavorare sodo per farla andare avanti. 

A parte i poster per i picnic, quali sono i progetti a cui sei più affezionato?

Dopo i poster per i picnic, direi i rapporti annuali. Sono bellissimi, me lo dico da solo. Sia che lavorassi con Clark Malcolm [per molto tempo autore presso Herman Miller] o con altri autori nel corso del tempo, ho sempre considerato il rapporto annuale di Herman Miller un'espressione delle grandi capacità dell'azienda, che incidentalmente conteneva dei numeri. Considerato nel suo complesso, è molto bello. Alcuni rapporti sono straordinari, altri un po' meno, ma io ci ho sempre messo tutto l'impegno possibile.

I rapporti annuali sono sempre stati un evento importante. 

Sì, erano un evento importante e avevano anche un buon budget. Certo, c'erano anni buoni e anni meno buoni. Negli anni buoni il budget era migliore rispetto agli anni cattivi, ma li abbiamo sempre creati con originalità. 

“ Prima di creare un design sul computer, per me è importante fare collage, perché mi aiutano a metterlo a punto e creare un file da mandare in stampa. Il digitale e l'analogico sono entrambi importanti.”

- Steve Frykholm

LEFT: 1975 Cherry Pie Poster RIGHT: 1982 Seven Layer Salad Poster

Com'erano gli anni cattivi?

Un anno i risultati furono così negativi che avrei voluto stampare il rapporto annuale su un sacco dell'immondizia. Pensavo che avremmo potuto farlo sul serio, ma nel frattempo l'idea venne bocciata. Fu l'anno che mettemmo una semplice mantella contro la pioggia sulla copertina, come ringraziamento per gli azionisti fedeli che ci avevano aiutato a "sopravvivere alla tempesta". 

Il design grafico continua ad appassionarti anche dopo tutti questi anni?

Sì, certo. Mi diverte. Mi piace vedere un design grafico fatto bene; è una cosa che mi ispira. Ma quello che mi piace davvero sono le installazioni artistiche, perché hanno più dimensioni, non sono statiche. Credo che sia questo il motivo per cui sono stato coinvolto dalle esibizioni del Grand Rapids Ballet, che mi hanno davvero conquistato. Il mio cuore batte un pochino più forte!

Cosa hai provato nel ristampare il primo poster dei picnic? 

È stato divertente. Mi ha riportato alla memoria così tante cose... anche l'odore dell'ambiente non era poi cambiato molto. Per questa occasione, è tornato il tipografo che aveva stampato tutti e 20 i miei poster originali. È stato fantastico vedere la nuova grande macchina da stampa in quadricromia. Mi chiedevo cosa avrei potuto fare con quella macchina.

Dovrai farci qualcosa.

Forse sì. 

LEFT: 1980 Lemonade Poster RIGHT: 1976 Ham Poster