Prodotti di Isamu Noguchi

“Tutto è scultura”, diceva Isami Noguchi. “Qualsiasi materiale, qualsiasi idea senza ostacoli è concepita nello spazio: questa per me è la scultura”.

Noguchi riteneva che lo scultore avesse il compito di dare forma allo spazio, conferendogli un ordine e un significato, e che l’arte dovesse “scomparire", diventando un tutt’uno con ciò che le sta attorno. Forse è stato grazie alla sua doppia eredità – suo padre era un poeta giapponese, mentre sua madre una scrittrice scozzese-americana – che egli sviluppa il proprio modo di guardare al mondo, con una particolare attenzione rivolta all “unità”.

Per nulla disposto e incapace ad essere inquadrato, Noguchi ha creato sculture che possono essere astratte come quelle di Henry Moore o realistiche come i dipinti di Leonardo. Egli utilizza qualsiasi materiale a sua disposizione – pietra, metallo, legno, creta, ossa, carta o un mix di materiali – incidendo, stampando, tagliando, martellando, scolpendo e rifinendo ogni singola forma.

“Limitare il nostro campo d’azione a un particolare stile può renderci esperti di quel particolare approccio o scuola di pensiero, tuttavia io non voglio appartenere ad alcuna scuola”, dichiara. “Imparo e scopro qualcosa di nuovo, giorno dopo giorno”

La sua straordinaria gamma di progetti ha incluso campi da gioco e piazze, arredamenti e giardini, i busti scolpiti nella pietra, i lampadari di carta Akari, così delicati che potrebbero essere piegati e messi in una busta. Egli ha inoltre progettato diverse scenografie per la ballerina e coreografa Martha Graham, che ha avuto un’influenza su di lui pari a quella del suo maestro, Constantin Brancusi.

“Tutto è scultura”.

- Isamu Noguchi

Noguchi era un uomo intelligente, coerente e sensibile. Durante la seconda guerra mondiale, in un periodo piuttosto buio nella storia degli Stati Uniti, egli entra volontariamente nei campi di internamento per giapponesi-americani in Arizona, ma non riesce a ottenere il permesso per lasciare il campo. Dopo sette mesi, fu liberato. “Ero finalmente libero” ha dichiarato con tono di riconoscenza. “ . . E ho deciso di essere da quel momento in poi solo un artista”.

Il suo rapporto con Herman Miller prese il via quando un suo design venne usato per illustrare un articolo di George Nelson dal titolo “Come costruire un tavolo”. Proprio questo design divenne il suo famoso “tavolo da caffè”, presentato per la prima volta nel 1947 e rilanciato nel 1984.

Altri incarichi di rilievo comprendono i giardini del palazzo dell’UNESCO a Parigi, cinque fontane per il palazzo della Corte Suprema di Tokyo e un murale ad altorilievo per il mercato Abelardo Rodriguez di Città del Messico.

Noguchi morì nel 1988 dopo una brillante carriera che ha percorso più di sei decenni. Per qualcuno a cui il primo insegnante di arte disse, a 15 anni, che “non sarebbe mai stato uno scultore”, ha lasciato una straordinaria eredità.